Fiera dell'editoria italiana

8 12 marzo 2018
fieramilanocity

Fiera dell'editoria italiana

8 12 marzo 2018
fieramilanocity

Chiude oggi la prima edizione del Milan International Rights Center: oltre 500 partecipanti, da 34 Paesi, e più di 6.500 appuntamenti

21 aprile 2017

Milano, 21 aprile. Si chiude oggi la prima edizione del Milan International Rights Center all’interno di Tempo di Libri (Padiglione 1) e i bilanci sono positivi su tutti i fronti, con soddisfazione sia da parte degli organizzatori che degli addetti ai lavori coinvolti: oltre 500 i partecipanti, da 34 Paesi, e più di 6.500 gli appuntamenti gestiti dalla piattaforma multilingue di matchmaking b.square. L’obiettivo del MIRC era favorire l’incontro, lo scambio di idee e contatti, sia per i principali gruppi editoriali che per la media e piccola editoria indipendente. Oggi si può dire: missione compiuta. I 170 operatori stranieri e gli oltre 330 italiani hanno avuto agende fitte e numerose occasioni di consolidare rapporti già avviati ed esplorare nuove opportunità di business.

Tre le caratteristiche del MIRC particolarmente apprezzate da tutti i rights manager, gli editor, gli agenti letterari e gli scout presenti: il grande spazio innovativo, confortevole e bene attrezzato come luogo di lavoro. Come conseguenza di questo primo aspetto, la privacy e la facilità di mantenere la riservatezza in ogni appuntamento, elementi molto ricercati e fondamentali per la conduzione di trattative e la chiusura di contratti. Terzo punto vincente: l’integrazione del centro diritti con la Fiera, che ha fatto sentire i partecipanti davvero parte di Tempo di Libri, con la possibilità di visitare gli stand e toccare con mano, soprattutto per gli stranieri, la ricchezza del mercato al quale sono interessati. Le singole testimonianze dei partecipanti raccontano, ad esempio, dell’utilità del MIRC anche per editori piccoli e giovanissimi, che possono non solo avere la misura della domanda all’estero ma anche capire come meglio porsi sul mercato; e di come ci sia una rinnovata attenzione al settore educational non-fiction per bambini, nel quale l’editoria italiana eccelle e ha quindi una particolare responsabilità culturale. Inaspettatamente hanno riscosso attenzione anche generi letterari meno comuni, come la fantascienza italiana contemporanea. Gli addetti ai lavori stranieri con il maggior numero di incontri sono stati Regno Unito, Cina, Polonia, Germania e Francia, e i rappresentanti dei mercati geograficamente più lontani o diversi si sono detti profondamente interessati e impegnati a far scoprire la lingua e la cultura italiana nei loro Paesi.

Hanno partecipato al Milan International Rights Center: Albania, Austria, Bulgaria, Canada, Cina, Croazia, Danimarca, Egitto, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Grecia, Indonesia, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Repubblica di Macedonia, Russia, Serbia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Turchia, Ucraina, Ungheria.

www.milaninternationalrightscenter.it

scarica il pdf
Una manifestazione di
Promossa da